Monitoraggio energetico per incremento produttivo - Miluma

Monitoraggio energetico per incremento produttivo

Un illustre e ben noto pastificio di livello nazionale ed internazionale situato in Puglia ha la necessità di effettuare un salto di qualità nell’ottimizzazione della produzione. Eliminare le inefficienze, prevenire e ridurre i vuoti di produzione, confrontare i dati tra le diverse linee di produzione. Questi gli obiettivi fissati dal management aziendale su cui lavorare e per cui Miluma è stata chiamata in causa.

Il mercato di riferimento

Non sono più gli anni d’oro per il settore della pasta. Negli ultimi 11 anni la quota di mercato della produzione nazionale è passata dal 30% al 24%, come pure l’export ha subito un drastico calo (dal 59% al 47%)*.

In questo contesto, tutti i produttori piccoli e grandi sono chiamati a nuove sfide e al raggiungimento di nuovi target. I sistemi tradizionali non sono più al passo con i tempi e con la crescente necessità di ottimizzazione dei costi. Ecco dunque che le soluzioni “4.0″ possono davvero fare la differenza e segnare il passo con le logiche imprenditoriali tradizionali.

Fusilli on the extruder Pasta production line

La soluzione: il monitoraggio energetico

Miluma ha messo in campo un sistema completo di monitoraggio energetico che rileva i dati dalle due cabine di trasformazione MT/BT e da oltre 30 multimetri di diversi produttori (Schneider Electric, ABB), dislocati nelle aree strategiche dell’intero processo di produzione.

Tutti i dati rilevati vengono storicizzati e confrontati con i relativi livelli di produzione. L’obiettivo è individuare la produzione a minor costo energetico, in modo da creare una strategia vincente per il cliente.

Grazie all’aggregazione dei dati, infine, l’utente può valutare tra i vari servizi ausiliari, tutte le inefficienze per porre riparo ed abbattere l’incidenza dell’energia sui costi di produzione.

 

 

Panorama completo delle soluzioni di monitoraggio energetico

Scopri tutte le soluzioni di monitoraggio ed efficientamento energetico

 

* “La Repubblica”, articolo del 20/01/2017